Il grande Unbanking: come DeFi sta completando il lavoro Bitcoin iniziato

In senso lato, il 2020 è stato l’anno della pandemia COVID-19. Mentre si carica verso 1 milione di morti e oltre 30 milioni di infezioni, i governi sono stati trovati carenti. Le nostre istituzioni sono crollate, i leader hanno reagito troppo lentamente, e tutti i sistemi sia in atto che appena creati per proteggerci – assistenza sanitaria, assistenza agli anziani, test, catene di fornitura di attrezzature protettive, tracciabilità dei contatti, ecc. Ma il 2020 è stato anche l’anno della finanza decentrata, che è arrivata ad essere nota come DeFi.

DeFi è cripto

Capire perché DeFi ha catturato l’immaginazione di tutto il cripto paesaggio è capire che non si tratta tanto degli oltraggiosi rendimenti offerti ai coltivatori quanto delle possibilità future che presenta. La crittovaluta, e la tecnologia che la sottende, ha sempre riguardato le possibilità future.

Quando Bitcoin (BTC) è nato a poca fanfara nel 2009, è stato rapidamente riconosciuto da coloro che lo conoscono come il potenziale per essere il futuro del denaro. 11 anni dopo, la Bitcoin Trader, con il suo sistema globale decentralizzato di nodi e minatori che mantiene la rete operativa e sicura, ha mantenuto la sua promessa e molto altro ancora.

Non solo è un modo affidabile e veloce per le persone di inviare denaro senza permesso, ma è anche diventato un vero e proprio veicolo di investimento di livello aziendale, e il suo valore di investimento sembra essere in crescita. I proprietari di grandi e grandi imprese la tengono in mano in previsione della crescita del capitale.

„Bitcoin come veicolo d’investimento“ a parte, rimane, in sostanza, il denaro – una nuova moneta per un nuovo mondo iperconnesso.

Bitcoin e/o DeFi

Il „Bitcoin come denaro“ funziona ancora come il denaro, nella misura in cui si basa ancora su un ecosistema finanziario che lo circonda per mantenerlo in vita. Ma quell’ecosistema è in qualche modo limitato; è costituito da quelli che mettono in sicurezza la rete su cui vengono trasmesse le transazioni (minatori e operatori dei nodi), i portafogli, e gli scambi dove può essere scambiato con altri asset digitali e, sempre più spesso, fiat.

Ma un’architettura di servizi finanziari come la conosciamo incorpora molto di più in termini di funzionalità: prestare, prendere in prestito, guadagnare interessi, pagare interessi, investire, ecc. Bitcoin non è mai stata pensata per soddisfare tutti questi meccanismi – ma DeFi sì.

Il prossimo passo logico nell’evoluzione della progressiva assunzione da parte di crypto dei ruoli della finanza tradizionale è stato compiuto dal crescente ecosistema della finanza decentralizzata basata sull’Ethereum.

DeFi, per molti versi, è Bitcoin 2.0. E per questo motivo, DeFi – pur basandosi sulla componibilità di Ethereum e sulla funzionalità dei contratti intelligenti – promuove la narrazione del Bitcoin nel futuro in cui il Bitcoin ci ha permesso di credere. Con ogni nuovo protocollo DeFi, quel futuro si avvicina: un mondo senza banche come le abbiamo conosciute.

DeFi dimostra la complementarietà dell’Ethereum con il Bitcoin. Ricreando il sistema finanziario non dall’interno ma dall’esterno, l’Ethereum ospita un movimento che completa il cerchio iniziato dal Bitcoin.

I vampiri non sono poi così male

Il nostro sistema bancario è rotto come lo era la nostra risposta COVID-19, ma DeFi può effettivamente sostituirlo? I critici più accesi del sotto-settore DeFi indicherebbero l’emergere dei protocolli di food-meme SushiSwap, Cream e Yam, insieme a molti altri, per suggerire che il movimento assomiglia più a un circo che a una legittima minaccia per un gigantesco settore dei servizi finanziari.

Questi protocolli sono considerati forchette vampire, che sono forchette di protocolli esistenti, progettate per succhiarne la liquidità. Se le forchette vampire sono distruttive – e non c’è alcuna certezza che lo siano – un articolo seminale di Rolling Stone aiuta a metterle in prospettiva. Nel ripercorrere il ruolo centrale che Goldman Sachs ha avuto praticamente in ogni crollo finanziario del secolo scorso, Matt Taibbi ha chiamato il colosso:

„Il grande calamaro vampiro avvolgeva il volto dell’umanità, incastrando senza sosta il suo imbuto di sangue in tutto ciò che puzza di denaro“.

I vampiri della DeFi probabilmente servono a promuovere l’ecosistema, testando lo stress. I vampiri della Legacy Finance hanno avuto una sola funzione: prendere soldi da tutti gli altri per rafforzarsi.

Dalla Grande Depressione, alla bolla e allo scoppio delle dot-com, alla crisi delle abitazioni, il „grande calamaro vampiro“ aveva in mente una distruzione finanziaria egoistica e i suoi tentacoli su praticamente ogni leva che ha prodotto quegli episodi catastrofici nelle nostre recenti storie economiche.

Il settore nel suo complesso ha smesso da tempo di soddisfare la maggior parte delle nostre esigenze. Il controllo dei conti non paga più gli interessi, l’accesso al denaro costa denaro e le grandi imprese trovano facile il finanziamento, mentre le piccole e medie imprese sono lasciate a bocca aperta. Provate ad ottenere un mutuo come imprenditore indipendente senza benefici o sicurezza del lavoro.

La Bitcoin ha democratizzato il denaro liberandoci da esso nella sua forma ereditaria. Ora, la DeFi ha catturato l’immaginazione del mondo cripto come sua naturale estensione – non solo la democratizzazione del denaro, ma la democratizzazione della finanza, promettendo un cambiamento sismico nel modo in cui la gente si finanzia in futuro.

Quel cambiamento sismico conferirà benefici alla società che avremmo potuto sognare solo dieci anni fa.

Entrate nel grande unbanking.

Author: admin